ANNO 2018

La PAN celebra Stoppani

1 settembre 2018

 

 

Esibizioni aeree a ripetizione con spettacoli sul lago tra sabato e domenica che culmineranno con le sempre attesissime acrobazie delle Frecce Tricolori, previste per domenica alle 15.15.

 

Anche quest’estate, con l’arrivo di settembre, Lovere diventa per due giorni la capitale italiana del volo aereo, per ricordare la figura di Mario Stoppani, il pluridecorato aviatore loverese, asso dell’aviazione italiana della Prima guerra mondiale, a cui il Comune e l’associazione Centro volo nord dedicano per la 16esima volta un Memorial.

 

L’iniziativa ospiterà dimostrazioni aeree, voli turistici, convegni, mostre ed esibizioni di mezzi di vario genere che - grazie alla collaborazione dell’Aeronautica militare - renderanno speciali le due giornate. «Tanto impegno da parte del Comune - come ricordato dal sindaco Giovanni Guizzetti - serve anche a fare culturae ricordare persone e mezzi appartenenti ad un’epoca fondamentale per il nostro presente, decenni animati da coraggiosi pionieri senza i quali non esisterebbe la Pattuglia acrobatica nazionale».

 

Un successo annunciato quindi, che secondo il presidente del Centro volo nord Gianni Bonafini «premia anni d’investimenti che il Centro ha realizzato per sviluppare l’amore per l’aeronautica in Valle Camonica e sul lago d’Iseo».

 

Il programma: il 16esimo Memorial Mario Stoppani sarà inaugurato oggi alle 15 con l’apertura del Villaggio aeronautico e le prove tecniche di sorvolo delle Frecce tricolori con un solo velivolo. Seguirà alle 16, all’Accademia Tadini, il convegno con il ricercatore Giulio Borlini, l’autore del libro Cant.Z.506 Airone 1935, Decio Zorini, e il generale Gianfranco Da Forno, autore di Storia dell’acrobazia aerea dal 1930 a oggi.

 

Domenica la giornata inizia alle 8 con il raduno di mezzi idrovolanti e terrestri a cura di Idrosuperficie Stoppani e Campo di volo Costa Volpino; prosegue alle 9.30 con un ritrovo di fronte al municipio dove si formerà un corteo, accompagnato dalla Fanfara della Prima regione aerea di Milano, che partirà alle 10 e arriverà a deporre una corona di fiori davanti alla casa natale di Stoppani.

 

Il corteo proseguirà verso piazzale Marinai d’Italia per la deposizione di una corona al monumento dei Marinai e il sorvolo di saluto degli idrovolanti della Scuola italiana volo e della pattuglia Blu Circe.

 

Alle 11 lo spettacolo torna sull’acqua con la sfida fra un motoscafo da corsa e un idrovolante, mentre alle 14.30 tocca alla dimostrazione aerea con passaggi di saluto dei piloti in visita: Luigi Franceschetti con Extra 330 Blue Voltige, Fabio Guerra con Savage anfibio, Graziano Mazzolari con Bingo Icp anfibio, e Maffeo Comensoli con AS350B3.

 

Il momento top è previsto per le 15.15 con il passaggio delle Frecce tricolori, seguito dalle esibizioni di Luca Bertossio, campione del mondo di acrobazia aerea, e dal volo di una pattuglia di quattro elementi FL100.

Visita al Reparto Pediatrico dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII

1 settembre 2018 - Bergamo

Le Frecce Tricolori nel cielo della Mille Miglia

15 maggio 2018 - Brescia

 

Un ritorno gradito. Quello che vedrà il ritorno delle Frecce Tricolori nel cielo della Mille Miglia.

 

Dopo il passaggio su viale Rebuffone del 2016, la Pattuglia acrobatica nazionale tornerà a sorvolare i bolidi della corsa più bella del mondo.

 

Lo farà per l'esattezza domani, mercoledì, alle 14.30, in occasione della partenza della Mille Miglia.

 

Anzi, per l'esattezza, la Pan - che decollerà dall'aerobase di Ghedi - sfilerà a tracciare fumi tricolori nel cielo della città alle 14.23. Meglio quindi farsi trovare pronti con smartphone, fotocamere e occhi puntati al cielo al momento giusto.

 

I dieci MB 339 delle Frecce Tricolori sfileranno nel cielo della Leonessa a salutare la partenza della gara: il rombo dei motori dei velivoli blu farà così eco a quelli delle 450 vetture in corsa.

 

fonte: web

Prove "tecniche"

Un boato ed una striscia di fumo nel cielo: sono le prove delle Frecce tricolori
„9 maggio 9999999999 9
9 maggio 2018 - Trento

 

Un boato ed una striscia di fumo nel cielo: sono le prove delle Frecce Tricolori.

 

Due aerei della Pattuglia Acrobatica Nazionale sopra Trento.

 

"Prove tecniche" per le Frecce Tricolori nei cieli di Trento oggi  in vista dell'esibizione di domenica per l'Adunata degli Alpini.

 

Due velivoli della Pattuglia Acrobatica Nazionale hanno sorvolato la città un paio di volte, lasciando infine dietro di loro la classica scia, in questo caso bianca.

 

Il boato è stato avvertito da tutta la popolazione e la scia è stata avvistata da tutti i sobborghi della collina.

Frecce "Rosa"

4 maggio 2018 - Rivolto

 

Sono già due le donne nella squadra e presto i cieli italiani potrebbero tingersi più di rosa.

 

Alla guida delle amate Frecce Tricolori potrebbero presto sedersi anche le donne: la conferma è arrivata in occasione del'ultimo volo di addestramento prima dell’avvio della stagione acrobatica, alla base di Rivolto (Udine).

 

Come riferisce il "Messaggero Veneto", la promessa è del comandante Mirco Caffelli: "È solo una questione di tempo, anche perché abbiamo già due donne nella nostra squadra, la voce delle Frecce, la tenente Liberata D’Aniello che è la nostra speaker, e il capitano Elisa Rossi, capo sezione tecnica".

 

In attesa che i cieli si tingano anche un po' di rosa, l'esibizione dello scorso Primo maggio ha visto impegnati i dieci piloti che in totale hanno eseguito le 18 figure del programma.

 

Grande la soddisfazione del capo di Stato maggiore, il generale Enzo Vecciarelli: "La Pan (Pattuglia acrobatica nazionale) riesce ogni anno a rinnovare la professionalità di tutti i piloti e di tutto il personale dell’Aeronautica militare e questo è un orgoglio e un valore per l’Italia intera. Mi riempie di gioia vedere tutte queste persone presenti che, con il loro affetto, ci dimostrano di apprezzare il nostro lavoro. Con questo volo abbiamo concluso un lungo periodo di addestramento che ha visto impegnata la formazione da fine ottobre. Siamo pronti all’inizio della nuova stagione che ci vedrà impegnati ogni fine settimana in Italia e all’Estero".

Volo di addestramento nel bresciano

24 aprile 2018

 

Frecce Tricolori nel cielo della Bassa, questa mattina, per un addestramento programmato su una base differente da quella di Rivolto, in Friuli, dove abitualmente opera il 313° gruppo addestramento volo acrobatico dell'Aeronautica Militare.

 

Un'occasione per i piloti per provare il proprio repertorio di manovre spettacolari con riferimenti al suolo differenti da quelli consueti.

 

La Pattuglia acrobatica nazionale è giunta in volo nella tana dei Diavoli Rossi attorno alle 9,30.

 

Ad attendere i dieci top gun e i loro sfolgoranti velivoli blu a bordo pista oltre un migliaio di ragazzi delle scuole bresciane, in particolare d'infanzia e primarie.

 

Decollati dalla base del 6° Stormo, le Frecce Tricolori si sono esibite in volo con un programma quasi completo, lo stesso che sarà proposto per la prossima stagione.

Grande l'emozione per i giovanissimi spettatori.

 

Terminata l'esibizione, aerei e piloti a terra, sono ripartiti verso Rivolto.

Il presente sito web non costituisce in nessun caso un progetto editoriale periodico e non è pertanto in alcun modo annoverabile tra le testate giornalistiche.

Questo sito viene infatti aggiornato a seconda della disponibilità del materiale ritenuto interessante e le notizie sono reperite da siti web di pubblico dominio.

I servizi e le informazioni offerte attraverso questo sito web sono completamente gratuiti e sono controllati con la massima accuratezza possibile prima di essere pubblicate.

Alcune delle informazioni contenute nel sito sono citazioni di notizie reperite sul web, o da altre fonti citate.

Alcune informazioni sono presentate in forma di link (collegamenti ipertestuali) a siti di terzi.

Alcune immagini sono state reperite da internet senza che se ne indicasse uno specifico copyright o vincolo di proprietà su di esse, nel caso qualcuno ne rivendicasse la proprietà provvederò alla rimozione od a citare l'autore nei crediti. 

Non si ritiene responsabile dell'uso di dette immagini in quanto reperite liberamente sul web senza che vi fosse alcuna indicazione sul copyright o divieto di utilizzo e valutate di pubblico dominio.